COBOTTA Minilab - Klain Robotics Educational
545
page-template-default,page,page-id-545,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,paspartu_enabled,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive

Cobotta MiniLab

L’applicazione di pick&place di piccoli pezzi Lego con il robot Collaborativo Cobotta di Denso, sintetizza un’applicazione tipica che si ritrova spesso nel mondo dell’industria, e costituisce di fatto un piccolo Laboratorio di automazione industriale che può essere implementato.

In particolare l’applicazione rappresenta l’alimentazione flessibile di pezzi, la successiva identificazione dell’orientamento degli stessi, la presa successiva da parte del robot e la posa del pezzo per una possibile lavorazione successiva, il carico in una stazione di assemblaggio, o pallettizzazione.

Il sistema di alimentazione flessibile, chiamato mini-Eyefeeder,  consente, a differenza dei classici si utilizzino i classici alimentatori vibranti circolari con tazza.

Ogni regolazione personalizzata sull’Alimentatore vibrante, realizzata per ogni forma geometrica ha un costo, e nel caso che si debbano alimentare molti pezzi, la soluzione con un sistema tipo mini-Eyefeeder o sistemi analoghi più grandi, risulta senz’altro molto più economica, riducendo o annullando i tempi di attrezzamento ed i costi degli attrezzaggi.

L’alimentazione dei pezzi sul piano del mini-Eyefeeder viene realizzata mediante una piccola tramoggia da 4 lt dotata di sensori,  che movimenta i pezzi facendoli cadere sul piano dell’alimentatore, quando la telecamera li richieda.

L’individuazione dell’orientamento del pezzo sul piano del mini-Eyefeeder invece, viene realizzata tramite una telecamera Canon montata sul robot Cobotta, sviluppata esclusivamente per questo robot.

Questo piccolo Laboratorio, contiene molti concetti ed elementi che si ritrovano poi nel mondo dell’Industrial Automation, ovvero una Tramoggia con sensori, un Sistema di Visione, un’altra periferica esterna al Robot, ovvero il mini-Eyefeeder, e nel caso venga aggiunto un PLC per avere più segnali a disposizione, può essere modificato a piacimento aggiungendo nastrini, sensori, scivoli o altre periferiche.

Inoltre è possibile anche personalizzare, sostituendole, le dita di presa della pinza elettrica del robot, in funzione della forma geometrica dei pezzi da afferrare.

In pratica il Laboratorio Didattico costituisce un vero campo di prova per studenti che vogliano approcciare i vari aspetti della Meccatronica applicata all’Automazione Industriale, utilizzando però degli oggetti che realmente si utilizzano nelle fabbriche, e non dei giocattoli.